Quando è una buona idea usare l'arancione nei nostri interni? Che significato ha questo colore?

Oggi concludiamo con i colori secondari, dopo aver visto Viola e Verde e finiamo gli articoli sui singoli colori dato che abbiamo già approfondito anche tutti i colori primari (Rosso, Blu, Giallo), ma ci sarebbe ancora moltissimo da dire sulla teoria del colore. Ti interessa scoprire altro? Faccelo sapere!
Intanto dedichiamoci al colore Arancione e scopriamo tutti i significati di questa tinta nel mondo!

L’arancione è un colore molto vivace ed energico, sinonimo di allegria e fiducia in sé stessi. Uno dei suoi poteri principali è quello di liberare dalle frustrazioni e sollecitare l'attività fisica, motivo per cui viene utilizzato molto spesso nelle palestre. Visto che l'arancione è anche il colore di molti frutti, può anche essere associato alla salute e alla vitalità. Nelle sue forme tenui, può richiamare la terra e l’autunno e proprio a causa della sua associazione con il variare delle stagioni, questa tinta può anche rappresentare il cambiamento e il movimento. Nel mondo, come abbiamo visto anche per tutte le altre tinte, ha diversi significati: è il colore sacro per gli indù e i buddisti e, in oriente, è generalmente simbolo di buona salute, felicità, amore e umiltà; gli antichi Egizi lo utilizzavano per le pitture tombali, mentre in Cina l'arancione simboleggia la trasformazione.

L'arancione e l'interior design


Nel design, l’arancione attira l’attenzione dello spettatore senza però essere invadente come il rosso. È spesso considerato più accogliente e invitante, e meno aggressivo. Sarà quindi l’ideale nel salotto, dove potrà trasmettere la sua convivialità, ma se usato nelle sue tonalità desaturate come il salmone o color pesca. Non bisogna mai esagerare con l'arancione, a meno che si stia progettando una palestra, dove, come abbiamo già accennato, è stato studiato che il colore vivace ci tiene attivi e rinvigorisce il corpo, oppure in un ristorante perché, essendo associato a cibi sani, può anche stimolare l'appetito e far venire fame.
Colore della creatività e della gioia, l'arancione è in grado di promuovere il benessere generale e l'energia emotiva che può essere condivisa come la passione, il calore e la compassione. Può anche aiutare a ravvivare l'umore e a riprendersi dalle delusioni. Un colore quindi utile in parecchi spazi pubblici dove ci sia bisogno di stimolare il buon umore.

Con cosa abbinare l'arancione nella propria casa?

L'arancione è un colore che nelle nostre case può diventare un vero e proprio protagonista, brillando come nessun altro, specialmente se abbinato a tonalità neutre come il bianco, il grigio, il tortora e il beige. Può essere usato sia come sfondo, ad esempio dietro ad una cucina o un divano grigi, oppure come accento dentro una stanza, come per delle sedie o una lampada.
Se, invece, l'idea è di creare un ambiente armonioso dove l'arancione è presente, ma non dominante, si può giocare con tinte a contrasto: il blu per l'arancione scuro, il verde o l'azzurro per bilanciarlo nella nuance più vivace.
Se utilizzato con il giallo l'effetto è immediatamente di atmosfera calda, mediterranea, richiamando la tradizione di moltissimi Paesi sull'equatore, dove il colore vivace e caldo è utilizzato in ogni casa. Se usati nella tonalità più pura, potrebbero risultare fin troppo forti per una casa di città, ma se vengono desaturati, si possono ottenere interni molto bilanciati e confortevoli.

Hai trovato utile questo articolo? Vorresti avere tutte queste informazioni anche sugli altri colori? Seguici sui social e non perderti i prossimi articoli dedicati alla teoria del colore.